Ospedale Umberto Parini, Aosta
2013

Il recupero del Presidio Regionale Umberto Parini di Aosta mira alla riunificazione dell’assistenza per acuti in una sede unica. La scelta di adeguare l’Ospedale esistente è il risultato di un intenso dibattito, sia a livello cittadino che regionale, che per anni ha valutato se fosse più conveniente decentrare i servizi fuori città o potenziare l’ospedale storico nel centro urbano. Nel nuovo monoblocco sanitario (5 piani fuori terra e 2 interrati) troveranno posto i reparti di degenza H24, il comparto operatorio con le terapie intensive e il nuovo Pronto Soccorso. Il complesso in ampliamento è collegato al Presidio esistente mediante un sistema di percorsi interrati e sopraelevati lungo il viale Ginevra; sul lato opposto, si articola la Hospital Street, che costituisce il principale asse di distribuzione per il pubblico. La riorganizzazione del campus prevede che l’Ospedale esistente ospiti prevalentemente le funzioni di diagnosi e cura diurne (H12), oltre al reparto di Psichiatria e Materno-Infantile. Il progetto persegue un modello gestionale basato sull’intensità di cura che determina due grandi poli ospedalieri (H24 e H12), dove vengono collocate, in modo distinto, le prestazioni legate all’alta e alla bassa intensità. Il valore conferito alla centralità del paziente si esprime nello studio sensoriale degli interni rivolto a comunicare la massima accoglienza a partire dalla definizione dell’ingresso, della hospital-street e della grande Hall con lo scopo di ottimizzare il comfort ambientale, i flussi, l’efficienza e la qualità dell’assistenza.
Progetto strutture: Biagio De Risi
Progetto Impianti elettici e meccanici:Studio TI
Complesso Ospedaliero Umberto Parini